ACQUA E SALE di Mina e Adriano Celentano

Canzone del 1998 che vede l’incontro tra due colossi della Musica Italiana, Mina e Adriano Celentano, i quali non hanno duettato soltanto in questo brano, ma anzi hanno inciso un intero album insieme, Mina Celentano, che in Italia ha ricevuto il Disco di Diamante per quasi 2 milioni di copie vendute, senza contare le vendite esorbitanti in tutta Europa. Di Acqua e sale c’è anche una versione in Spagnolo, che Mina ha cantato con Miguel Bosè nel 2007.

Il testo esprime chiaramente una metafora. L’acqua e il sale non sono proprio una combinazione piacevole, ma senz’altro sono un’ottima ed esaustiva metafora per spiegare, o più che altro illustrare, cosa lui le fa patire, il solito uomo distante, l’uomo che gioca, ma un uomo che quando vuole sa essere dolcissimo, tenero come non mai.

Ed ecco qui la metafora, perché lei sinteticamente dice: Mi fai bere acqua e sale, e poi di colpo mi trattieni il bicchiere, cosa che lascia ampiamente dedurre lo sfiancante gioco psicologico che agisce su di lei, con questi comportamenti antitetici e che confondono, non dando la possibilità di rompere il rapporto, ma anzi di pensarci e ripensarci più e più volte, senza giungere mai ad una decisione risolutiva. È una goccia che cade sulla roccia, che pian piano la erode fino a consumarla.

Purtroppo, questa canzone è profondamente realistica, perché per mantenere viva l’attenzione di una donna, il che non è facile, o per legarla a sé irrimediabilmente, questo è il comportamento più sottile ed efficace che ci sia. Mostrarle di lasciarla libera, mentre al contrario è stata imprigionata per sempre da questa sorta di circolo vizioso che permette all’uomo di tenerla in pugno.

Sono molti gli uomini che agiscono in tal modo, e sono francamente scorretti, per non dire subdoli, dato che approfittano della sensibilità della donna facendola tornare come carta a favore, per fare sempre “poker”.

Fonte Video inserito (di proprietà del canale corrispondente): YouTube

Share Button

Link utili:

loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *