COME SAPREI di Giorgia

Nata nel 1971, Giorgia cantò la sua prima canzone da bambina, nel 1979, e già al sedicesimo anno di età iniziò a cantare nei club, seguendo uno stile che spaziava dal jazz al blues, uno stile che sembra nato appositamente per lei: la sua voce è “nera”, ovvero con quel timbro e tonalità che solitamente soltanto i cantanti di colore possiedono. Per definizione, sarebbe una cantante di soul bianco.

Giorgia riuscì ad affacciarsi nel mondo della musica professionale quando fu contattata da Zucchero per far parte del coro di Miserere, nel 1990, a cui tra l’altro partecipò anche Andrea Bocelli, sempre come corista. Da lì, passarono poi tre anni prima che potesse accedere alla carriera di cantante professionista.

Con questa canzone Giorgia stravinse il Festival di Sanremo nel 1995, in quanto non vinse solo la manifestazione canora più importante d’Italia, ma ricevette per giunta il Premio della Critica. Dopo questo, ebbe l’onore di partecipare al “Pavarotti & Friends”, duettando insieme allo stesso Luciano Pavarotti, nella canzone partenopea Santa Lucia luntana.

Come saprei è stata scritta proprio da Giorgia, insieme ad Eros Ramazzotti, e rientrò nell’album Come Thelma & Louise, pubblicato nel 1995. Del brano, venne anche incisa una versione spagnola, dal titolo Como sabrè. Il suo primo brano di successo fu E poi, che partecipò a Sanremo nella sezione Nuove Proposte ma non ottenne i giusti consensi, a dispetto del riscontro che invece si ebbe dal pubblico, il quale riconobbe subito le sue qualità, e se ne ebbe riprova giusto un paio d’anni dopo, quando appunto vinse con Come saprei.

Il testo di questa canzone è estremamente romantico, quasi sdolcinato a volte, parla dell’esclusività del suo amore, di quanto intenso sia e di come nessuno riuscirebbe ad eguagliarlo. Ma, dopotutto, quando si è innamorati alla follia sono cose che si pensano, che si dicono, anche se è probabile che siano errate, oltretutto si parla al condizionale, il discorso è mandato avanti in via del tutto ipotetica, quindi non è realtà certa. La realtà sorprende, e molto spesso non è come noi la vediamo.

Fonte Video inserito (di proprietà del canale corrispondente): YouTube

Share Button

Link utili:

loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *