COMPRAMI di Viola Valentino

Canzone in rima, Comprami di Viola Valentino aveva un approccio alquanto originale alla musica in generale, anche perché seguiva delle regole che non sono propriamente musicali. Più una poesia insomma, benché il testo non sia effettivamente poetico, anche per quel titolo che lascia un po’ in forse, su quello che vuole intendere, dato che di primo acchito lascia un sapore piuttosto ambiguo, sul senso di quell’imperativo.

Comprami invece è una serie di inviti, di colei che si offre ad un uomo che non è stato degnamente apprezzato dalla sua precedente compagna, non essendo abbastanza speciale, abbastanza “fico”, a tal punto da essere scaricato senza troppi ripensamenti. Il fatto che poi la protagonista affermi di essere in vendita, è forse un modo per sdrammatizzare, per incitarlo ad avere più fiducia in se stesso, visto che inoltre in una strofa lei afferma non mi credere irraggiungibile.

In definitiva è un testo un po’ ironico e un po’ provocatorio, molto free nel suo genere, che si contrappone al carattere serioso delle solite canzoni d’amore. Però, di fondo, tratta il delicato argomento di coloro che sono particolarmente sfortunati in amore, che soffrono in continuazione, quindi in un certo senso intende ironizzare per sollevare il morale a chi non riesce proprio a cavarsela.

Scritta Brioschi e Minellono, la canzone fu destinata all’esordiente Virginia Maria Minnetti, che in quell’occasione prese il nome d’arte Viola Valentino, poiché la giovane modella aveva una voce calda e sensuale che si adattava molto bene al tema del brano. Rappresentò un debutto in sordina, dato che non se ne organizzò una particolare campagna promozionale in radio, eppure il brano in qualche modo si fece conoscere, arrivò nelle prime posizioni delle classifiche e fu invitata a partecipare al Cantagiro e al Festivalbar, diventando una specie di tormentone estivo.

L’anno della sua uscita è il 1979, ma ne è stata cantata una nuova versione, migliorata, per l’album Il viaggio (1998), mentre per l’estero ne fu incisa una versione spagnola, Comprame, e divenne una delle canzoni simbolo degli anni ’80. È la sua canzone più nota, benché abbia successivamente lanciato altri successi musicali, anche per l’originalità della sua impostazione di voce, sempre sussurrata, dolce e sensuale al tempo stesso.

Fonte Video inserito (di proprietà del canale corrispondente): YouTube

 

Share Button

Link utili:

loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *