DONNE di Zucchero Fornaciari

Mitica canzone di Zucchero che ha celebrato pienamente la figura della donna, anche nei suoi difetti e mancanze, le sue leggerezze, infatti molto spesso viene utilizzata per fare gli auguri in occasione della Festa dell’8 marzo, giorno nazionale per rendere omaggio a tutte quelle donne che hanno sofferto e combattuto. Soprattutto quelle che non ce l’hanno fatta ma che hanno lasciato comunque il segno, battendo un cammino di liberazione ed emancipazione, facendo sentire la loro voce, ottenendo il giusto posto nel mondo.

Questo brano segna anche una svolta nella carriera di Zucchero, che nel 1985 diede una rivoluzione al suo stile, incentrandolo sul modello americano, alla Joe Cocker. Partecipò al Festival di Sanremo proprio con questa canzone, tuttavia non riscosse tanti consensi, anzi fu pesantemente criticata e neanche considerata dalle giurie, classificandosi addirittura al penultimo posto.

Ma, nonostante ciò, il singolo si rivelò un grande successo e per un certo periodo non temé rivali. Riprova ne è che, malgrado i decenni che sono trascorsi da allora, è un pezzo che non è stato dimenticato. Rimane un bellissimo brano che viene ancora ascoltato e canticchiato, di tanto in tanto, quando si vuole parafrasare il comportamento di una donna.

L’album invece non ebbe buona fortuna, non come Donne, anche se il singolo acquistò maggiore popolarità in seguito ad una cover realizzata dai Neri per caso, nel 1995. Zucchero, però, non l’ha più rispolverato nei suoi concerti, neanche nei suoi album dal vivo o successive raccolte, in quanto, come egli stesso ha dichiarato, non si riconosce più in colui che ha usato una tale leggerezza nei testi delle sue canzoni, benché non fosse stata lui a scriverla.

In effetti, ci sono alcuni versi che non sono da considerarsi proprio onorevoli, eppure può considerarsi come un pezzo di cultura sociale, dato che, né uomini né donne, possono a loro volta considerarsi individui perfetti, con solo virtù e candide personalità. Un po’ di nero, c’è ovunque.

Fonte Video inserito (di proprietà del canale corrispondente): YouTube

Share Button

Link utili:

loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto da Copyright