EACH TIME YOU BREAK MY HEART di Nick Kamen

Nick Kamen, l’idolo delle adolescenti che fu capace di battere anche Simon le Bon, in quanto a popolarità nell’ambito femminile, aveva tuttavia anche una bella voce, oltre che una bella presenza e un indiscutibile carisma che gli permise di decollare in un attimo: era praticamente perfetto. Bastò una pubblicità della Levis, l’incontro con Madonna e tutto divenne un sogno.

Each time you break my heart, che venne prodotto proprio da Madonna, fu il suo primo singolo, datato 1986, che segnò un debutto a dir poco eccellente, anche se sulle prime si pensava che avesse prestato il suo bel viso ad un’altra voce, mentre invece era tutta farina del suo sacco, e lo dimostra lo spropositato successo ottenuto in seguito. Da semplice modello si trasformò in star.

Il suo stile anni ’50 poi, nell’abbigliamento e nell’acconciatura gelatinata lo avvicinarono moltissimo alla figura di Elvis Presley, anche se qualche anno dopo si rasò a zero. Non si sa se fu una scelta stilistica oppure se giunse un cambiamento interiore che lo indusse a dare un taglio netto, che di solito parte appunto dai capelli. Ciò, però, ovviamente non influì sulla sua celebrità.

In Italia soprattutto, in Svizzera ed Inghilterra, ebbe una maggiore popolarità, non solo con il suo singolo di debutto ma anche con l’omonimo album che pubblicò l’anno dopo. Tutte le canzoni in esso contenute divennero un successo che si protrasse per qualche anno, sempre sulla cresta dell’onda, fino al 1992 in cui il suo tempo finì.  

Non si può dire che Nick Kamen sia stato una meteora ma da allora non è più apparso in video, ritirandosi a vita quieta e privata in cui ha cominciato a dedicarsi alla pittura e l’arte in generale. Nick Kamen oggi è incredibilmente trasformato, magrissimo e con il volto consumato, ma i suoi bellissimi occhi ci sono ancora, lo sguardo tenebroso e accattivante che ha fatto di lui un simbolo della bellezza maschile.

Fonte Video inserito (di proprietà del canale corrispondente): YouTube

Share Button

Link utili:

loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *