FIORI ROSA FIORI DI PESCO di Lucio Battisti

Se il titolo di Fiori rosa fiori di pesco ci fa pensare ad un giardino, in realtà indica la primavera come anno in più, l’età del protagonista della canzone che pensa continuamente ad una donna, non riesce a dimenticarla e quindi va a cercarla. Ma quello che trova lo getta nell’angoscia, ritornano tristezza e nostalgia tipicamente “invernali”.

Non è specificato nel testo che c’è un altro, forse per lasciare la delicata linea poetica, ma è questo che lui trova. Lei con un altro, lei che ama un altro. E la primavera ha un sapore amaro, questi fiori sbocciati non sono più per lui. Finisce la primavera, e torna l’inverno…

Questa splendida canzone di Lucio Battisti è intramontabile, ed ancora oggi viene trasmessa ed ascoltata ovunque, benché sia risalente al 1970, quando fu pubblicata dalla Dischi Ricordi insieme a Il tempo di morire (lato B del 45 giri), l’ottavo singolo di questo grande artista. Proprio in quell’anno Lucio Battisti partecipò al Festivalbar e lo vinse, grazie a Fiori rosa fiori di pesco, per la seconda volta consecutiva dato che aveva già vinto l’anno prima con Acqua azzurra, acqua chiara.

Tuttavia il singolo non raggiunse mai la prima posizione nelle classifiche, fermandosi al terzo posto, però ci rimase per circa quattro mesi. Per assurdo, al di fuori delle previsioni è diventato più celebre il brano del lato B, Il tempo di morire, che a tutt’oggi rappresenta un pezzo cult, musicato nei piano bar, nelle serate disco ed anche nei karaoke.

Fiori rosa fiori di pesco fu scritta, come tutte le altre canzoni di Battisti, in collaborazione con Mogol, che lo ha accompagnato durante la sua intera carriera, dal 1964 fino al 1998, anno della sua prematura scomparsa, all’età di 55 anni. Intorno alla causa della sua morte aleggia ancora il mistero, non si sa con precisione quale fu la grave malattia che lo colpì, se un cancro o una malattia innominabile (come l’AIDS), tuttavia ciò è relativamente importante: quello che conta, è quello che ci ha lasciato.

Fonte Video inserito (di proprietà del canale corrispondente): YouTube

Share Button

Link utili:

loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *