La ZUMBA Country ★ EL MISMO SOL di Alvaro Soler

El mismo sol è un altro grandissimo successo dell’estate 2015, insieme a El perdón di Enrique Iglesias, due canzoni che hanno fatto ballare e ballare la Zumba, ripetutamente. Diciamo che sono state delle accoppiate fenomenali, in quanto hanno spopolato dappertutto, anche in radio e sono quindi diventati due grandi tormentoni estivi, che tuttora ricapita volentieri di ascoltare ed anche di ballare.

Questi due bravissimi maestri di ballo, nonché istruttori di Zumba, ci mostrano in varie salse scenografiche una coreografia della Zumba. Molto particolare, è una coreografia personalizzata in cui ci hanno infilato anche un po’ di Country, dando un’impronta più sul cardio e atletico, ma anche come richiamo al sonoro che ci si abbina perfettamente.

Ricordiamo infatti che, prima di tutto, la Zumba è una disciplina del fitness, diventata in seguito un ballo di gruppo universale, e per questo è diventata famosissima. Ballata in tutte le spiagge del mondo è arrivata anche in Italia, benché da poco tempo rispetto al periodo in cui è stata creata, ovvero alla fine degli anni ‘90 in Colombia, dal coreografo Beto Perez.

Questa canzone è il singolo di debutto di Alvaro Soler, estratto dal suo primo album, “Eterno agosto”, pubblicato nell’aprile del 2015. Come Enrique Iglesias, anche lui ne ha fatta una versione in Spanglish (inglese/spagnolo), duettando con la cantante portoricana Jennifer Lopez, e forse questo lo ha aiutato nella sua scalata al successo, sebbene il brano avesse già avuto i suoi ottimi riscontri, perlomeno in Italia.

In Italia ha vinto il Disco di Platino, e nella sua patria, la Spagna, nonostante abbia ricevuto questo stesso riconoscimento, non è stato così famoso come qui da noi, non ancora almeno. Si può dire che il suo successo sia più a livello europeo, dato che oltreoceano non è ancora molto conosciuto, di certo non come Enrique Iglesias.

Fonte Video inserito (di proprietà del canale corrispondente): YouTube

Share Button

Link utili:

loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *