PAZZO DI LEI di Biagio Antonacci

Uno dei brani più celebri dell’album Convivendo (formato da due mini CD), Pazzo di lei fu inciso come singolo nel 2005 e, come tutte le canzoni di Biagio Antonacci, è stato da lui scritto, sia nelle musiche che nel testo. Il singolo presentava anche diversi remix, che furono resi disponibili per il download, oltre che per la vendita classica in formato CD.

La scelta di vendere il suo album in due tranche fu sperimentale, al fine di ridurre i costi dei CD che allora erano saliti alle stelle, quindi in un certo senso fu un atto di protesta da parte del cantautore milanese, che decise di inciderlo a casa sua, nel suo studio di registrazione. Fu dunque un disco autoprodotto, saltando così i costi delle case discografiche per vendere la sua opera ad un prezzo molto inferiore.

Il testo parla di un amore tormentato, quando l’amore diventa il sale della vita, che fa male però non si può farne a meno, ed è quello che accade al protagonista di questa canzone. Lui è pazzo di lei, come dice anche il titolo, vive per lei, e soltanto con lei, ne è dipendente in tutto e per tutto, fisicamente, emotivamente, come se stare senza di lei lo privasse persino dell’anelito vitale.

Purtroppo ne esistono di amori così, di fondo distruttivi, e non sempre vanno a finire bene. Nel migliore dei casi si arriva alla rottura, finisce la relazione e magari lui (o lei) può ricominciare da capo, risalire e riprendersi, ma succede anche che sopravviene la depressione, la chiusura, la disperazione, il pensiero fisso e costante che non si riuscirà mai più ad innamorarsi. Una morte del cuore.

Pertanto, malgrado possa essere talvolta difficile, è sempre preferibile rompere all’inizio, non appena si avvertono le prime avvisaglie, i primi sintomi di un amore malato. Non è facile, no, ma è una prospettiva salutare per il futuro, dato che bisogna pensare anche a quello, non solo al presente.

Fonte Video inserito (di proprietà del canale corrispondente): YouTube

Share Button

Link utili:

loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *