REALITY di Richard Sanderson ★ Film: IL TEMPO DELLE MELE (1980)

Reality era la colonna sonora ufficiale de “Il tempo delle mele”, un famosissimo film degli anni ’80 di cui gli adolescenti di allora andavano addirittura pazzi. In particolare, il ritornello della canzone passato alla storia è dreams are my reality (= i sogni sono la mia realtà), che accompagnò la scena madre del film, la più famosa e che è diventata un emblema adolescenziale, dove i due giovani protagonisti ballano un lento con le cuffie, in mezzo a ragazzi scalmanati che invece danzano la disco music.

Dal 1980 sono trascorsi più di trentacinque anni, eppure canzone e film sono rimasti nei nostri cuori, quando da adolescenti lo abbiamo visto al cinema e ci siamo identificati con Vic, o con il suo primo amatissimo fidanzatino, Mathieu. Ma anche con i genitori di Vic, che sarebbe la tredicenne protagonista, poiché il film mostrava due realtà della vita: quella dei giovani, dei primi amori e dei primi dolori, e quella degli adulti, in cui non è sempre semplice, sia a livello emotivo che pratico. Le relazioni non sono mai facili, qualunque sia l’età che abbiamo.

Diretto da Claude Pinoteau, “Il tempo delle mele” fu un film francese che riscosse un abnorme successo in tutta Europa, ma anche nel resto del mondo, soprattutto in Giappone, tant’è che venne girato il seguito, con Vic che ha un paio di anni in più, ed incontra un nuovo amore. In questo nuovo capitolo però la storia si chiude, mentre nel primo fu lasciata aperta, in previsione di un possibile seguito.

Anche lei, Sophie Marceau, che interpretava la protagonista femminile, subì uno slancio pazzesco, perché da questo casuale debutto divenne un’attrice estremamente acclamata, un’icona, anche se successivi film da lei interpretati hanno guastato la sua illibata e dolcissima immagine, ledendo a sufficienza l’icona di cui sopra. Nel tempo, è diventata abbastanza spregiudicata.

Il titolo originale del film era “La Boum” (“festa” nel parlato francese), poiché il tema centrale del film (ambientato nella Parigi degli anni ’80) è rappresentato dalle feste, dove ci si diverte, si fanno nuove amicizie e si incontra l’amore, un passo essenziale, un rito al quale gli adolescenti non potevano mai mancare. I tempi sono cambiati, le feste non sono più le stesse, e probabilmente anche i ragazzi non sono più gli stessi, ed è forse per questo che la pellicola è diventata un simbolo, un reperto storico e sociale che documenta la vita adolescenziale di quegli anni.

Fonte Video inserito (di proprietà del canale corrispondente): YouTube

Share Button

Link utili:

loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *