SAVE A PRAYER dei Duran Duran

Più sono vecchie e più sono belle, proprio come le favole… I Duran Duran, poi, sono leggenda, quantomeno per chi ha vissuto la sua giovinezza durante gli anni ’80. Noi ragazze impazzivamo letteralmente per Simon Le Bon, lo ricordate?

Ad ogni modo, Save a prayer (1982) è una tra le più belle canzoni che si ricordino di quegli anni, canzoni che hanno fatto storia come quelle degli Spandau Ballet, Nick Kamen, Elton John e Whitney Houston, dei veri artisti leggendari del pop. Non è un caso, infatti, che alcuni dei loro brani scavalchino i tempi, diventati degli evergreen che non passano comunque di moda.

Un passo bellissimo che il gruppo canta è questo: Da sola ti annoiavi e così hai cercato un’emozione… gli altri la chiamerebbero storia di una notte ma noi possiamo chiamarlo paradiso… Chi lo ha detto, infatti, che le canzoni di quegli anni erano tutte canzonette commerciali vuote e senza profondo sentimento? Anzi, si direbbe che proprio di questi tempi, ce ne sono di canzonette commerciali che proprio non hanno senso, che sono solo rumore e poco contenuto.

Non tutte fortunatamente, ma c’è anche da dire che ogni epoca ha la sua dimensione artistica, la sua poesia, ogni epoca ha i suoi eroi, anche se si parla puramente di arte. Ma d’altronde anche la musica si adatta ai tempi, alle mode, e non è immune al cambiamento di gusti e preferenze, degli stili che mutano nei decenni.

I Duran Duran, come forse non tutti sapranno, sono ancora in attività, non si sono mai sciolti, malgrado ai loro tempi si fossero più volte scissi e riorganizzati nella formazione. Ricordiamo a tal proposito il trio che fu composto da Simon Le Bon, John Taylor e Nick Rhodes con cui pubblicarono l’album Notorius. Ad oggi la formazione è identica a quella originale, quando il gruppo nacque nel 1981, fatta eccezione per Andy Taylor che è stato sostituito da Dominic Brown alla chitarra.

Fonte Video inserito (di proprietà del canale corrispondente): YouTube

Share Button

Link utili:

loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto da Copyright