UNA LUNGA STORIA D’AMORE di Gino Paoli

Una lunga storia d’amore nacque come colonna sonora del film “Una donna allo specchio”, interpretato da Stefania Sandrelli, attrice italiana con cui il cantautore ha avuto una figlia. Il brano uscì nel 1984, e riportò Gino Paoli sulla cresta dell’onda, dopo i suoi grandi successi degli anni ’60 che lo avevano consacrato come uno dei migliori artisti della Musica Italiana.

Gino Paoli è primo poeta musicale italiano, ce ne sono stati diversi alla sua epoca però lui ha sempre avuto qualcosa di speciale, tant’è che ancora oggi le sue canzoni sono molto conosciute, benché la sua attività musicale sia iniziata nel 1959, in pratica quando molti di noi non erano ancora nati. Nella sua carriera ha pubblicato una infinita quantità di album, ha partecipato sei volte al Festival di Sanremo, ha duettato con altri rinomati artisti, e numerose sue canzoni sono diventate colonne sonore di film importanti.

Una lunga storia d’amore è diventata una evergreen (dall’Inglese sempreverde, in parole povere “intramontabile”), come i suoi brani più importanti tra cui ricordiamo la leggendaria Sapore di sale, anch’essa composta su ispirazione alla sua storia con la Sandrelli, sebbene il cantautore non abbia mai confermato, essendo lui all’epoca sposato con un’altra donna. Tuttavia nel brano si sente il sapore di un amore proibito, un qualcosa di inarrivabile, benché nella realtà sia puramente dovuto allo stato civile dell’uomo.

Ovviamente, nelle canzoni si poetizza, si trasformano situazioni e motivazioni proprio per perdere quel carattere reale e concreto che rende banale la quotidianità. Con la poesia, e quindi con la musica, si può dare un aspetto più suggestivo e favolistico ad una determinata storia, sia essa d’amore o di vita, acquistando maggiore attrattiva e suscitando sognanti emozioni, persino quando finisce in tragedia.

Per questo, si può affermare che Gino Paoli sia un poeta di vita vissuta, poiché ha reso ogni storia un capolavoro di poesia, evocando immagini e sensazioni non comuni alla realtà che viviamo.

Fonte Video inserito (di proprietà del canale corrispondente): YouTube

Share Button

Link utili:

loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto da Copyright