SARÀ PERCHÉ TI AMO dei Ricchi e Poveri

Inizialmente i Ricchi e Poveri erano un quartetto, ma proprio durante la manifestazione sanremese dove il gruppo presentò il pezzo Sarà perché ti amo (1981), classificandosi al quinto posto della gara, si ridusse ad un terzetto. Il quarto componente si chiamava Marina Occhiena ma, dopo una furibonda lite con l’altra voce femminile, Angela Brambati, fu estromessa dall’esibizione e il brano fu cantato dalla Brambati con le due voci maschili, Angelo Sotgiu e Franco Gatti.

Il motivo non è tanto chiaro, gossip e pettegolezzi a parte, ma pare che la Occhiena avesse intessuto una tresca con l’allora compagno della Brambati, anche se alcuni maliziano sulla competitività che esisteva tra le due cantanti, tanto da farsi fuori a vicenda, più da parte di Angela Brambati vista l’eclatante avvenenza di Marina Occhiena. La Brambati in effetti divenne la primadonna, e lo è rimasta per sempre, nonostante la causa legale vinta dall’altra, in base alla quale doveva essere reintegrata nel gruppo e beneficiare dei proventi della canzone.

Fu un duro colpo per la Occhiena, dato lo spropositato successo che ottenne il brano di cui era stata tra l’altro coautrice, nonché arrangiatrice, ma alla fine è andata via a testa alta, intraprendendo una carriera da solista ed anche da attrice teatrale. I Ricchi e Poveri invece presero uno slancio pazzesco, incidendo un bel po’ di brani fortunati, tra cui Se m’innamoro (1985) e la celeberrima Voulez vous danser (1983).

Una canzone leggera, anzi leggerissima, Sarà perché ti amo evade da tutte quelle situazioni seriose della vita, tutte le complicazioni e i problemi, ripetendo la mitica frase “chi se ne frega”, perché l’importante è amarsi, e amandosi i due protagonisti della canzone sono felici e spensierati, convinti di poter affrontare tutto, grazie alla positività che deriva proprio dall’amore. Una strofa significativa, se cade il mondo, allora ci spostiamo, lascia ben intendere il concetto che si vuole esprimere. Per il resto sono tutte frasi alquanto sconnesse, ma chiaro è l’alone di positività che vuole trasmettere.

Sarà perché ti amo divenne un successo internazionale e in Europa vendette oltre 7 milioni di dischi, senza contare l’Italia che ne conteggiò più di un milione. Francia, Spagna e Svizzera furono i più responsivi, in fatto di vendite, e la popolarità acquisita condusse all’incisione di versioni in altre lingue, come lo Spagnolo e l’Inglese. Per quanto riguarda invece le cover è seriamente difficile poterle elencare, vista la mole di artisti che l’hanno inclusa nel proprio repertorio, reinterpretandola.

Fonte Video inserito (di proprietà del canale corrispondente): YouTube

Share Button

Link utili:

loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Le Recensioni di SettimaLuna utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Questi Cookie sono preventivamente disabilitati di default, puoi scegliere tu stesso se abilitarli o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato, dando il permesso per l'utilizzo di Cookie non tecnici e dunque non strettamente necessari. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in alto nella sidebar del sito (alla fine della pagina per cellulari o tablet). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi