COME SI CAMBIA di Fiorella Mannoia

Come si cambia è il pezzo tramite cui Fiorella Mannoia comprese che il suo destino era di fare la cantante, la sua missione, una vocazione naturale che poteva portarla a toccare le corde delle emozioni, come lei stessa afferma. Fu una strada abbastanza lunga, evidentemente, perché il suo debutto fu nel 1968 a Castrocaro, ad un’edizione del Festival dove cantò un brano scrittole da Adriano Celentano, mentre questa canzone risale al 1984, quindi più di quindici anni dopo.

Comunque, il vero successo lo raggiunse circa tre anni più tardi con Quello che le donne non dicono, un brano che presentò al Festival di Sanremo e con il quale vinse il Premio della Critica. Anche con Come si cambia partecipò al Festival di Sanremo ma non si classificò e non vinse alcun premio, perdendosi nell’eco di tante.

Possiamo dire che di Fiorella Mannoia sono più rilevanti le interpretazioni, in quanto si è distinta sempre per le sue performance vocali, piuttosto che per le canzoni che interpreta. Questa canzone, però, non è da considerarsi discreta ma anzi possiede una notevole profondità, il suo valore è indiscusso e non può essere ritenuta di secondo livello, anche se non è di quel genere prevalentemente romantico che attira, di regola, molto di più l’attenzione.

Come si cambia è una riflessione sulla vita, sul cambiamento che talvolta diventa obbligatorio, poiché ci si rende intimamente conto che il proseguire su quella determinata strada porta solo a dolore e sofferenza. Il cambiamento diventa necessario anche se bisogna ricominciare, dato che evidentemente c’è stato qualcosa di sbagliato, qualcosa da riparare, anche nella situazione attuale se si sta vivendo una storia d’amore in cui va tutto malissimo.

Tuttavia emerge una nota positiva alla fine del testo, perché il cambiamento implica anche una visione positiva, per quel qualcosa di nuovo che porta, che ti fa capire che domani è un altro giorno. E magari sarà migliore di tutti gli altri già vissuti.

Fonte Video inserito (di proprietà del canale corrispondente): YouTube

Share Button

Link utili:

loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *