MI MANCHI di Fausto Leali

Con questo brano Fausto Leali partecipò a diverse manifestazioni canore, dal Festival di Sanremo (1988) a “Vota la voce”, eppure non si classificò in maniera soddisfacente, sebbene fosse una canzone davvero intensa e fu in seguito apprezzata dal grande pubblico. Per questo anche Andrea Bocelli ne interpretò una sua versione, qualche anno dopo, attribuendole un merito che non aveva mai ricevuto.

L’anno successivo, comunque, Fausto Leali vinse il Festival con Ti lascerò, cantata in duetto con Anna Oxa, l’unica volta in cui ottenne il titolo, nonostante abbia partecipato a più di dieci edizioni della manifestazione sanremese, dove talvolta non si è nemmeno classificato. È un po’ bizzarra questa cosa, dato che alla fine i suoi brani, specialmente la sua interpretazione graffiata e sempre intensa, dal lato della Critica non vengono mai apprezzati come si dovrebbe.

Fausto Leali è un grande della Musica Italiana, con una lunga carriera che dura dal 1960, quando aveva appena 16 anni e si faceva chiamare Fausto Denis, quindi un cinquantennio abbondante, è un veterano e soprattutto è stato sempre fedele alla linea, al suo stile e al genere musicale che è diventato parte di lui, della sua personalità artistica. La sua voce è nera, a tal punto da essere definito il “negro bianco”.

I suoi temi sono sempre gli stessi, l’amore e tutti i suoi risvolti, da quelli buoni a quelli meno buoni, talora drammatici, non si risparmia e canta la nuda realtà del rapporto d’amore. In Mi manchi ad esempio racconta la difficile condizione di un uomo che si sente molto solo, gli manca la sua donna da morire e si fa mille perturbazioni mentali, con i “se” e i “perché”, non reggendo la distanza tra loro.

In una strofa, accenna l’idea di trovarsi un’altra per compensare la mancanza, ma da uomo maturo e severo con se stesso è consapevole che l’unico risultato sarebbe di rovinare tutto. Ingannerebbe principalmente se stesso, il rimorso lo ucciderebbe e innanzitutto la perderebbe per sempre. Un uomo che ha coscienza, dunque, e non è sbagliato sostenere che è una perla rara.

Fonte Video inserito (di proprietà del canale corrispondente): YouTube

Share Button

Link utili:

loading...

2 Commenti

  1. Massimuccio amore mio

    Bravo a chi ha messo questo video musicale per farmi piangere ancor di più ! Ci voleva veremante ! Ascoltare mi manchi è stato ed è straziante per me , per due motivi ! Lontananza e non ricambiata !

    Replica
  2. Gioacchino

    Questa canzone bellissima la dedico a mia moglie che ha dodici anni che non e più con me e quando la sento mi metto a piangere come un bambino.Mi manchi tanto amore mio il destino infame ha voluto così.

    Replica

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Le Recensioni di SettimaLuna utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Questi Cookie sono preventivamente disabilitati di default, puoi scegliere tu stesso se abilitarli o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato, dando il permesso per l'utilizzo di Cookie non tecnici e dunque non strettamente necessari. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in alto nella sidebar del sito (alla fine della pagina per cellulari o tablet). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi