AMAZING GRACE, l’Inno Cristiano cantato da Andrea Bocelli che ha commosso il Papa

“Grazia meravigliosa”, indica il titolo di questo canto tradizionalmente natalizio che rappresenta uno dei maggiori inni cristiani. Infatti, viene spesso cantato durante le celebrazioni religiose, sin dal 1700, anche perché riporta numerosi riferimenti biblici, benché sia un canto di origine anglosassone, più precisamente irlandese, secondo le fonti storiche a disposizione.

Amazing grace compare la prima volta in una raccolta di canti popolari del Nuovo Mondo, nel 1831, quando fu ufficializzato, ma la sua composizione è attribuita a John Newton, capitano di una nave settecentesca che deportava schiavi, tra l’Inghilterra e l’Africa fino alle Americhe, finché non si convertì al Cristianesimo. Newton abbandonò l’infima professione e divenne pastore anglicano, secondo la religione nata sotto il dominio di Enrico VIII, il quale si separò dalla Chiesa di Roma perché il Papa non gli permetteva di divorziare dalla moglie per contrarre di nuovo matrimonio con Anna Bolena.

Comunque sempre di base cristiana, la nuova religione di Newton lo condusse a cambiare totalmente vita, diventando perfino un accanito sostenitore dell’abolizione della schiavitù, e in questo ambito scrisse numerose composizioni, in special modo inni cristiani. La sua composizione più famosa è proprio Amazing grace.

Amazing grace è un canto di pace ed armonia, e in una celebrazione di unione e spiritualità, alla presenza del Papa anche Andrea Bocelli ha dato il suo contributo con le sue divine qualità canore, dando come sempre spazio al sogno e alla magia, all’amore trasmesso con una semplice voce ma tanto sentimento e devozione. Altri grandi artisti lo hanno accompagnato, facendo sì che questo brano sia diventato letteralmente divino, in questa 38esima Convocazione Nazionale del Rinnovamento nello Spirito svoltasi a Roma.

Essendo un brano storico e di importante valenza religiosa, non sono mancate le cosiddette cover, anche rielaborate con testi similari e titoli differenti, sia in Italia (dove ricordiamo i Ricchi e Poveri con Amici miei, nel 1971) che nel mondo. Una delle versioni più famose è quella di Elvis Presley, ma vengono ricordate anche le versioni classiche dei tenori Domingo e Carreras, e la versione celtica della band femminile Celtic Woman, decisamente suggestiva e richiamante le antiche radici del canto stesso.

Fonte Video inserito (di proprietà del canale corrispondente): YouTube

Share Button

Link utili:

loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Le Recensioni di SettimaLuna utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Questi Cookie sono preventivamente disabilitati di default, puoi scegliere tu stesso se abilitarli o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato, dando il permesso per l'utilizzo di Cookie non tecnici e dunque non strettamente necessari. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in alto nella sidebar del sito (alla fine della pagina per cellulari o tablet). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi