SUBEME LA RADIO di Enrique Iglesias (versione backstage)

★ Musica Anni 2010 ★

Alza il volume della radio (subeme la radio), così inizia questa canzone dandole anche il titolo, un nuovo ennesimo successo di Enrique Iglesias, pubblicato nel febbraio del 2017. Come ogni anno ormai, il cantante spagnolo lancia i suoi singoli sul finire dell’inverno, per preparare un buon terreno in vista della stagione estiva. Diventare tormentone, ancor prima della stagione dei tormentoni.

Una manovra brillantemente azzeccata, poiché quando si arriva al mare e si ricomincia a frequentare i locali all’aperto, il pezzo è di già ben entrato nelle nostre orecchie, nella mente, già lo conosciamo, lo amiamo e dunque lo balliamo molto più che volentieri. Il pop latino inoltre è padrone dell’estate, simboleggia tutto il calore del sole e delle spiagge, il divertimento che deve imperare durante le meritate vacanze estive.

A riprova di ciò, stavolta Enrique Iglesias non si è limitato a qualche versione, com’è sua abitudine (sia in Inglese che in Spagnolo e Spanglish), bensì ne ha incise e lanciate parecchie. Dall’originale ai remix, per le serate più impiantate sulla dance dei giovani, ha diversificato anche le collaborazioni con altri artisti. Ad esempio, la prima ed originale l’ha incisa con Descemer Bueno e Zion & Lennox (un duo di Porto Rico), mentre uno dei vari remix l’ha inciso con Sean Paul, artista giamaicano con il quale ha precedentemente duettato nel pezzo Bailando. Anche Descemer Bueno partecipò al brano Bailando, però solo nella versione spagnola, e non la cantò soltanto, dato che fu anche uno degli autori.

Subeme la radio ha già fatto il cosiddetto “botto”, attraverso il suo videoclip che è stato girato a L’Avana (Cuba), meta sempre più preferita dagli artisti latini per girare i loro video musicali (ricordiamo anche Alvaro Soler con la sua Sofia). Ovviamente lo scenario è sempre basato sul ballo e sull’ilarità della folla che si ammassa per le strade, cantando e ballando allegramente.

Il testo di Subeme la radio, però, va in contrasto con le note vivaci, come del resto avviene in diversi pezzi di Enrique Iglesias. Nel testo egli dice di voler ascoltare ad alto volume la sua canzone preferita, vuole bere e divertirsi per zittire il dolore, o almeno lo spera. Le sue sono notti insonni e non riesce a dimenticare, non riesce a dire addio a quella storia d’amore finita male. La musica forse è la medicina adatta, ed è probabilmente questo il significato, il messaggio che il cantante invia continuamente attraverso le sue canzoni.

Fonte Video inserito (di proprietà del canale corrispondente): YouTube

Share Button

Link utili:

loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Le Recensioni di SettimaLuna utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Questi Cookie sono preventivamente disabilitati di default, puoi scegliere tu stesso se abilitarli o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato, dando il permesso per l'utilizzo di Cookie non tecnici e dunque non strettamente necessari. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in alto nella sidebar del sito (alla fine della pagina per cellulari o tablet). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi