WHISPER OF A THRILL di Thomas Newman ★ Film: VI PRESENTO JOE BLACK (1998)

Colonna sonora del film “Vi presento Joe Black”, Whisper of a thrill fu composta da Thomas Newman, un brano strumentale che incorniciò alla perfezione la storia tra Joe e Susan, i coprotagonisti del film, interpretati rispettivamente da Brad Pitt e Claire Forlani. Ma un altro personaggio portante è protagonista della storia, Bill, il padre di Susan, che fu interpretato dal premio Oscar Anthony Hopkins.

Thomas Newman è un grandissimo compositore che possiamo paragonare al nostro Ennio Morricone, ha prodotto colonne sonore bellissime, musiche strumentali che sono opere d’arte, e vinto altresì numerosi riconoscimenti tra cui diversi Oscar. Con Whisper of a thrill però ottenne solamente qualche nomination, nonostante la sublime bellezza sinfonica del brano.

Proprio sulle note di questo brano, Joe e Susan danno il via alla loro storia d’amore, che però finisce sul nascere per quello che Joe non è: un essere umano. Egli, infatti, è l’incarnazione della morte, approdato sulla Terra per “prelevare” Bill, in via del tutto eccezionale perché in pratica non è la prassi: Joe, un nome fittizio e casuale scelto sul momento, è venuto sulla Terra perché molto incuriosito dalla personalità di Bill, o più che altro dai sentimenti umani tanto da lui decantati.

E, alla fine, riesce a conoscerli proprio grazie alla figlia di Bill, sul lato pratico, ma ottiene preziose informazioni anche dall’uomo, un uomo giusto, pieno di valori e di passione per la vita, che gli fanno conoscere l’intensità dell’amore, dalla sua purezza alla passione vera: il fuoco dell’amore. Peraltro, il feeling tra i tre attori è pazzesco, un cast davvero da serie A.

“Vi presento Joe Black” fu prodotto nel 1998, e non derivava da una sceneggiatura originale, bensì era il remake di una vecchia pellicola in bianco e nero del 1934, “La morte in vacanza”, che a sua volta era stata tratta da un’opera teatrale del 1924, scritta da Alberto Casella sulla base di una leggenda. Questa leggenda, fu da lui conosciuta quando acquistò una dimora estiva che aveva la brutta fama di essere una villa maledetta: la leggenda portava il messaggio che la morte può venire a farci visita in qualsiasi momento e assumendo la più inaspettata sembianza, anche la più bella e accattivante, a tal punto da essere impossibilitati a riconoscerla.

Fonte Video inserito (di proprietà del canale corrispondente): YouTube

Share Button

Link utili:

loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Le Recensioni di SettimaLuna utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Questi Cookie sono preventivamente disabilitati di default, puoi scegliere tu stesso se abilitarli o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato, dando il permesso per l'utilizzo di Cookie non tecnici e dunque non strettamente necessari. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in alto nella sidebar del sito (alla fine della pagina per cellulari o tablet). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi