WIND OF CHANGE degli Scorpions

Scritta nel 1989 da Klaus Meine, leader del gruppo tedesco Scorpions, Wind of change era ispirata ai profondi cambiamenti che si stavano mettendo in atto in quel periodo, dalla caduta del Muro di Berlino al rovesciamento del regime comunista, con conseguente termine della Guerra Fredda e il disgregamento dell’Unione Sovietica, il quale si concretizzò definitivamente nel 1991. Questo brano è considerato storico, perché è diventato simbolo, ed anche inno della riunificazione della Germania, fino a quel momento divisa in due dal muro.

Famosissima in ogni parte del Pianeta, questa canzone raggiunse le 14 milioni di copie vendute, e se nel mondo ha vinto Dischi d’Oro, d’Argento e di Platino, in Germania è il singolo più venduto di sempre, in tutta la storia della musica tedesca.

Il fischiettare iniziale nella canzone è proprio di Klaus Meine, non si tratta di un campionamento, e l’idea di comporre la canzone, così come la consociamo, gli venne durante un suo soggiorno a Mosca nel 1988, insieme alla band per una serie di concerti. L’entrare in Unione Sovietica fu comunque un evento, data la resistenza del KGB che operava in merito alla libertà artistica, ma una frase leggendaria che il leader degli Scorpions pronunciò al pubblico fu fatidica: «La prima volta siamo venuti con i carri armati (si riferisce ad Hitler), ora invece con le chitarre: questa è la nuova Germania.»

Sebbene sia riconosciuta come storica per la Germania, la canzone infatti si riferiva di più all’ambito sovietico, proprio perché era nata da quel background sociale che era rimasto impresso nel cantante, per la voglia dei giovani russi che avevano di cambiare, di far parte del resto del mondo, di vivere in libertà la loro vita e le loro passioni, proprio come la musica. L’origine e i presupposti del brano si intuiscono da numerosi termini russi inseriti nel testo, come Moskva (il fiume che attraversa Mosca), il Gorky Park o la balalaika, uno strumento musicale di tradizione russa.

Dopo i loro concerti a Mosca, il Governo Sovietico si ammorbidì ed accettò di organizzare il “Moscow Music Peace Festival” allo Stadio Lenin di Mosca, dove intervennero, insieme agli Scorpions, numerosi artisti “occidentali”, tra cui Bon Jovi e Ozzy Osbourne. Era l’agosto del 1989, e dopo l’evento nacque Wind of change.

Fonte Video inserito (di proprietà del canale corrispondente): YouTube

Share Button

Link utili:

loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Le Recensioni di SettimaLuna utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Questi Cookie sono preventivamente disabilitati di default, puoi scegliere tu stesso se abilitarli o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato, dando il permesso per l'utilizzo di Cookie non tecnici e dunque non strettamente necessari. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in alto nella sidebar del sito (alla fine della pagina per cellulari o tablet). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi