ZORRO, la prima sigla italiana originale (1966)

★ Sigla Telefilm ★

La sua maschera mitica e il suo segno inconfondibile, Zorro rimarrà nella Storia come il cavaliere mascherato più amato, il primo in assoluto, visto che nacque nel lontano 1919 dalla penna di Johnston McCulley, il quale pubblicò una serie di racconti stile pulp nella rivista Argosy (La maschera di Zorro). Questi racconti ispirarono numerose produzioni, dai film ai telefilm e le rappresentazioni teatrali, i cartoni animati e i moderni 3D, tutti di genere western.

Questa è la celebre canzone di Zorro (volpe in Spagnolo), un eroe che associavamo molto a Robin Hood, dato che a suo modo combatteva il potere tirannico e difendeva i più deboli. La sigla accompagnava il telefilm prodotto dalla Walt Disney, che andò in onda negli Stati Uniti dal 1957 al 1959, mentre in Italia approdò nel 1966, la prima stagione, e la seconda nel 1970, con il titolo La spada di Zorro.

Prima di questa serie, tuttavia, ne era già uscita una in bianco e nero, nel 1939, però non era televisiva, anche perché la televisione al tempo era più che altro un desiderio, infatti uscì al cinema, in un sequel di 12 telefilm che duravano circa 30 minuti ciascuno (serial cinematografico). Nel tempo sono stati poi riuniti dando vita ad un unico film che dura più di due ore, e sarebbe da considerarsi il primo film di Zorro, poiché la prima pellicola che fu prodotta, nel 1920, era un film muto (Il segno di Zorro).

Anche la prima serie televisiva, quella della Walt Disney, fu in bianco e nero, era composta da 78 episodi (39 a stagione) e, più tardi, intorno agli anni ’90, il telefilm è stato restaurato, colorato e ridoppiato, prendendo il titolo semplice di Zorro. Sempre in quegli anni, è stato prodotto un nuovo telefilm, sulla base della serie della Walt Disney, ovviamente con nuovi attori, in una versione migliorata dall’originale.

Il personaggio di Zorro è da sempre carico di fascino, come una leggenda è entrato nella cultura popolare e non ne è mai più uscito, essendo un eroe giusto e fuorilegge al tempo stesso, impersonando la tipica ribellione al sistema tirannico. Egli viveva a Los Angeles (California), nei primi dell’800 sotto il dominio spagnolo, era un nobile (don Diego de la Vega) che aveva conosciuto un pirata mascherato, e da costui aveva preso l’idea per dare vita al suo alter ego spadaccino, per poter combattere di nascosto e dunque senza essere preso di mira dalle Autorità. Nella storia riesce a raggiungere il suo scopo, liberando la California dall’oppressione dei governatori dell’epoca.

Fonte Video inserito (di proprietà del canale corrispondente): YouTube

Share Button

Link utili:

loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Le Recensioni di SettimaLuna utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Questi Cookie sono preventivamente disabilitati di default, puoi scegliere tu stesso se abilitarli o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato, dando il permesso per l'utilizzo di Cookie non tecnici e dunque non strettamente necessari. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in alto nella sidebar del sito (alla fine della pagina per cellulari o tablet). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi