AZZURRO di Adriano Celentano

★ Musica Anni ’60 ★

Canzone mito di Adriano Celentano, Azzurro è un’altra di quelle canzoni usate come inno per l’arrivo della bella stagione, come Acqua azzurra, acqua chiara di Lucio Battisti. Qui però il testo è un tantino più pratico, infatti il protagonista canta della sua bella, che si trova già in villeggiatura mentre lui è ancora chiuso in città, a soffrire il caldo e a sognare di raggiungerla.

Il testo, scritto da Vito Pallavicini, è un collage di immagini cittadine contrapposte all’aria vacanziera che si respira sulle spiagge. L’unico punto in comune è il cielo sempre azzurro, ma per lui è sempre troppo lungo, il suo pomeriggio azzurro viene vissuto con noia e senza stimoli. È per questo che, alla fine, decide di saltare sul treno e correre verso l’estate vera, così come dovrebbe essere vissuta.

La data di uscita è il 1968, e il brano fu pubblicato su 45 giri insieme a Una carezza in un pugno, altro successo sempreverde di questo straordinario showman. A quel tempo, tuttavia, il pezzo andava musicalmente un po’ controcorrente, rispetto alle mode di allora, eppure si rivelò un boom colossale, tant’è che Azzurro è, all’estero, uno dei brani più amati e rappresentativi italiani, insieme a Nel blu dipinto di blu di Domenico Modugno e ‘O sole mio, classico della canzone napoletana scritto da Giovanni Capurro ed Edoardo Di Capua nel 1898.

Azzurro fu il brano più venduto del 1968 e, tormentone di allora, è rimasto una specie di tormentone anche ora, dato che ogni estate viene rispolverato, essendo la musica non tipicamente degli anni ’60, così come fu composta dall’autore, Paolo Conte, che ha sempre precorso i tempi con le sue musiche. Egli compose numerose melodie per il Clan Celentano (l’etichetta discografica), anche le note per La coppia più bella del mondo, cantata in duetto da Adriano Celentano e la moglie, Claudia Mori.

Di Azzurro ne esistono parecchie versioni, anche in lingue estere come il Francese, il Tedesco, Spagnolo, Inglese e perfino l’Ebraico, mentre le cover più celebri sono quelle dei Ricchi e Poveri, Renzo Arbore e Fiorello. Peraltro, è diventato inno calcistico di diverse squadre sportive.

Fonte Video inserito (di proprietà del canale corrispondente): YouTube

Share Button

Link utili:

loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Le Recensioni di SettimaLuna utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Questi Cookie sono preventivamente disabilitati di default, puoi scegliere tu stesso se abilitarli o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato, dando il permesso per l'utilizzo di Cookie non tecnici e dunque non strettamente necessari. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in alto nella sidebar del sito (alla fine della pagina per cellulari o tablet). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi